Blog

Le conseguenze penali della diffamazione online

22 Aprile 2021

Esistono vari mezzi per diffamare una persona, ma quello in rete è quello che rischia di avere maggiore impatto sulle vittime.

Come si può diffamare online?

  • Attraverso l’invio di un’email/messaggio a due o più indirizzi e l’offeso ne viene a conoscenza;
  • Su una pubblicazione di un quotidiano online/blog;
  • Su un Social Network (Instagram, Facebook) in forma di post o commento, anche anonimo.

Perché la diffamazione online è così grave?

La pena è aggravata rispetto agli altri canali perché, attraverso questo mezzo, il contenuto della diffamazione è diffuso ad una moltitudine di persone con effetti ben peggiori, rispetto al passaparola dal vivo.

Quali sono le conseguenze?

Entro tre mesi dal momento in cui l'offeso ha avuto notizia che è stata commessa diffamazione nei suoi confronti o può querelare il diffamatore alle autorità competenti. Chi risulta colpevole di diffamazione potrà essere, quindi, costretto a pagare una multa fino a euro 2065 e soggetto a reclusione fino a due anni, nonché essere costretto al pagamento delle spese legali. In sede civile o se la vittima si costituisce parte offesa, potrebbe, infine, dover risarcire il danno provocatogli.

Come contattare Stop alle Offese?

Ritieni di essere vittima di diffamazione online? Per ottenere tutela gratuita puoi contattare Stop alle Offese compilando questo form. Altrimenti è possibile scrivere una mail a segnalazioni@stopalleoffese.it